lunedì 16 febbraio 2015

Zuppa di cicerchia: ricetta tipica delle Marche

La cicerchia è una leguminosa a granella e proviene da una pianta erbacea annuale, abbastanza simile alla pianta dei ceci. La sua origine è molto antica e proviene dal Medio Oriente: i greci al chiamavano Lathiros, per i romani era Cicerula. In Italia sono diffuse una ventina di specie, coltivate nel cento e nel sud d'Italia. Si semina in primavera, all'inizio di aprile e si raccoglie in agosto; cresce anche in condizioni difficili, resiste alla siccità adattandosi a terreni poco fertili e a temperature basse. Come tutti i legumi ha caratteristiche nutrizionali interessanti, sia per l'elevato contenuto di proteine e amido sia per la scarsa quantità di grassi. Tra le tante varietà oggi vi propongo la cicerchia di Serra de' Conti che viene coltivata a Serra in una zona di alta collina nelle Marche centrali. In questo bellissimo paesino si svolge in autunno la festa dedicata ad un legume povero che per secoli ha fatto parte della nostra cultura alimentare. La cicerchia di Serra de' Conti è inserita nell'elenco dei prodotti tipici regionali selezionati nel sito della Regione Marche.

                                          Z U P P A   D I   C I C E R C H I A



 Ingredienti

gr. 500 di cicerchia
una cipolla
una carota
un gambo di sedano
5 pomodori maturi freschi
olio extravergine
sale e pepe

Mettiamo in ammollo la cicerchia in acqua tiepida per almeno 6 ore, cambiando l'acqua due o tre volte oppure in acqua fredda per una notte.


Trascorso il tempo indicato mettiamo la cicerchia in una pentola con acqua fredda e non salata e portiamo ad ebollizione a fuoco moderato. Cuociamo per circa un'ora coprendo con un coperchio. Nel frattempo prepariamo un leggero soffritto con olio, cipolla, sedano e carote tritate. Uniamo i pomodori tritati finemente e lasciamo cuocere unendo sale e pope.




Scoliamo la cicerchia e versiamola nel sugo di pomodoro


Mescoliamo aggiungendo la sua acqua di cottura o il brodo vegetale caldo.

Aggiustiamo di sale e pepe e lasciamo sobbollire fino a giusta cottura. Versiamo in ciotole individuali e a piacere accompagnare la zuppa di cicerchia con fette di pane casereccio leggermente tostate e un giro di olio extra vergine d'oliva. Buon appetito



Un assaggio per tutti voi



Con grande piacere includo questa ricetta tipica della regione Marche nella rubrica enogastronomica "L'Italia nel piatto" che ha come tema "Zuppe e verdure". Ecco gli altri blog che rappresentano le regioni italiane con i relativi piatti preparati per allietare i nostri occhi e papille gustative.
Friuli-Venezia Giulia: Jota alla triestina 
Veneto: La panada
Lombardia: La Büseca (Trippa)
Liguria:  carciofi con piselli (articiocche con puisci)    http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2015/02/litalia-nel-piatto-zuppe-e-verdure.html
Emilia Romagna: Zuppa di patate DOP di Bologna e polenta con gorgonzola
Toscana: Porrata bianca, ricetta fiorentina del '300
Lazio: Minestra di broccolo alla romana 
Calabria: Zuppa di fagioli, zucca gialla, funghi e borragine  http://ilmondodirina.blogspot.com/2015/02/zuppa-di-fagioli-zucca-gialla-funghi-e.html



Sacro è il pane sulla tavola, fragranti sono gli aromi, dolce è la nostra cicerchia della Marca di Ancona.

19 commenti:

  1. Un buon piatto molto gustoso e adatto per questi giorni freddi !

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Veramente meravigliosa, questa deliziosa zuppa di cicerchie, una vera bontà di sapori e profumi!
    Bravissima Sabrina!
    Un abbraccio e felice settimana!
    Laura<3

    RispondiElimina
  4. E' da poco che ho scoperto la cicerchia e trovo che sia buonissima, grazie per questa tua splendida ricetta, metterò in pratica. Bacioni

    RispondiElimina
  5. La cicerchia è uno di quei cibi "di una volta", in passato così diffusi e umili, ma oggi purtroppo diventati rari, e il loro sapore rischia di essere dimenticato. E' bellissimo che ci sia qualcuno a salvarne il ricordo!! :) Tra l'altro è un po' che mi è venuto il chiodo di questa cicerchia: non l'ho mai assaggiata e per un marchigiana che si rispetti è gravissimo!! Peccato però che sia poco diffusa nei supermercati, e se c'è costa un occhio della testa...

    RispondiElimina
  6. adoriamo le zuppe in ogni modo!
    amelie

    RispondiElimina
  7. Ma sai che credo di non averle mai mangiate le cicerchie... anche se il nome è molto conosciuto anche in Toscana. Però non è un legume molto usato qui da noi.
    Il fascino delle ricette regionali è anche questo... :-)

    RispondiElimina
  8. All'esame per il patentino di guida turistica una delle ultime domande fatte riguardava proprio questo prodotto tipico (perchè una guida non deve solo saper spiegare i monumenti, ma anche conoscere e promuovere il territorio).... io, dopo anni di frequentazione della Festa della Cicerchia a Serra de' Conti ne sapevo a sufficienza!!! ;) Mi piace un sacco, l'ultima volta l'abbiamo mangiata la settimana scorsa, proprio come l'hai preparata tu!!!

    RispondiElimina
  9. neanche io le ho mai assaggiato le cicerchie, ma credo che lo farò presto, la ricetta è molto molto interessante

    RispondiElimina
  10. Mi manca ma la devo assaggiare al più presto!! Bellissima questa zuppa!!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  11. buonissima con le cicerchie, legume davvero da valorizzare molto di più! ottima scelta! Bravissima!

    RispondiElimina
  12. buona questa zuppa, da buoni vicini, abbiamo spesso ricette simili, un bacione

    RispondiElimina
  13. Una leguminosa che dovrebbe essere valorizzata maggiormente in cucina per la sua bontà. Squisita la tua zuppa.

    RispondiElimina
  14. Un vero classico le cicerchie!!! Un must della tua regione e una zuppa incantevole! Bravissima!

    RispondiElimina
  15. La cicerchia è uno di quei legumi che cucino sempre troppo poco.
    La tua zuppa ha un aspetto molto invitante.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Un legume dimenticato ma buonissimo.
    Bellissima zuppa.
    A Presto

    RispondiElimina
  17. Un piatto ristoratore. Le cicerchie le ho mangiate qualche volta da ragazzina, ma poi non mi è più capitato di consumarle. se le trovo le preparo così!

    RispondiElimina
  18. ma quanto sono buone le cicerchie! mia madre le preparava spesso anche con la pasta!
    una zuppa squisita e saporita!
    un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...