martedì 2 dicembre 2014

Frustingolo marchigiano: ricetta tipica delle Marche

Scommetto che molti di voi già pensano al Natale e a tutte le festività!
Gli addobbi, il presepe, l'albero, i regali, la cena della Vigilia, il pranzo di Natale e non per ultimo il Cenone di San Silvestro.
Io sono molto curiosa di sapere quali saranno le prelibatezze presenti sulle tavole della nostra bella Italia. Diamo uno sguardo ai miei cari amici della rubrica L'Italia nel piatto che questo mese ha come tema i piatti natalizi
Trentino-Alto Adige
Friuli-Venezia Giulia: Gubana - http://ilpiccoloartusi.blogspot.com/2014/12/gubana-per-litalia-nel-piatto.html
Lombardia: Il torroone di Cremona
http://kucinadikiara.blogspot.com/2014/12/il-torrone-di-cremona.html
Veneto: Bussolà http://ely-tenerezze.blogspot.com/2014/12/bussola.html
Valle d'Aosta:
Piemonte:
Liguria: raviéu co-u tuccu  http://arbanelladibasilico.blogspot.com/2014/12/litalia-nel-piatto-ricette-natalizie.html
Emilia Romagna: Panone di Natale Bolognese http://zibaldoneculinario.blogspot.com/2014/12/il-panone-di-natale-bolognese.html
Lazio: Pan giallo - http://beufalamode.blogspot.com/2014/12/pan-giallo-per-litalia-nel-piatto.html
Toscana: Ricciarelli - http://acquacottaf.blogspot.com/2014/12/ricciarelli.html
Marche: Fustringolo marchigianohttp://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.com/2014/11/frustingolo-marchigiano-ricetta-tipica.html
Abruzzo:Il Parrozzo 
http://ilmondodibetty.blogspot.com/2014/12/il-parrozzo-per-litalia-nel-piatto.html
Molise: Agnello alla molisana - http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.com/2014/11/agnello-alla-molisana-per-litalia-nel.html
Umbria: Pampepato http://amichecucina.blogspot.com/2014/12/pampepato.html
Basilicata: Fritti di Natale - calzoncini, rosette e cannaricoli
http://blog.alice.tv/profumodicannella/2014/11/29/fritti-di-natale-calzoncini-rosette-e-cannaricoli/
Campania: Spaghetti alle vongole veraci, piatto della vigilia - http://www.isaporidelmediterraneo.it/2014/11/spaghetti-alle-vongole-veraci-piatto-della-vigilia.html
Puglia: Pane fenìscke - http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/2014/12/cucina-pugliese-pane-feniscke.html
Calabria:
Sicilia: Cous cous dolce di Natale http://burro-e-vaniglia.blogspot.com/2014/12/cous-cous-dolce-di-natale.html
Sardegna:

Il nostro blog - http://litalianelpiatto.blogspot.it/

                                    F R U S T I N G O L O   M A R C H I G I A N O

Il frustingolo marchigiano è un dolce tipico delle Marche composto da fichi secchi, mandorle, noci, farina integrale, miele ed ha la particolarità di assumere nomi diversi a seconda del luogo di produzione. Nel pesarese e nel montefeltro viene chiamato bostrengo, a Macerata assume il nome di fostrengo, mentre pistringo viene definito nel basso maceratese.
Leonardo Bruni ( autore del volume "Marche. Ricette raccontate", un compendio della tradizione gastrononica marchigiana), fa risalire le origine del dolce addirittura al XIII secolo e riporta che nelle Marche esistono circa 22 modi diversi di prepararlo. E' nato come piatto povero realizzato utilizzando frutta secca, un tempo abbondante in campagna, e altri ingredienti presenti nelle dispense.Il nome deriva dal termine latino "frustum" che significa "pezzetto, tozzo", perché in effetti si presenta di 5 centimetri d'altezza. Un vecchio proverbio dice "Piov e neng, tutt l'vecchie fann el bostreng". Sia se piove che se nevica, tutte le vecchie fanno il bostrengo.

                                                                Ingredienti
                                                                gr. 500 di fichi secchi
                                                                gr. 100 di noci sgusciate
                                                                gr. 100 di mandorle pelate
                                                                gr. 80 di miele
                                                                gr. 150 di farina integrale
                                                                gr. 100 di pangrattato
                                                                gr. 80 di zucchero semolato
                                                                gr. 100 di uvetta sultanina
                                                                gr. 50 di pinoli
                                                                gr. 50 di canditi
                                                                gr. 90 di cioccolato fondente tritato
                                                                gr. 50 di cacao
                                                                una tazzina di caffè
                                                                scorza di limone e di arancia
                                                                olio extravergine d'oliva
                                                                qualche cucchiaio di anisetta








Ammolliamo in acqua tiepida i fichi per una notte, tritiamoli e mettiamoli in una terrina con l'uvetta ammollata. Uniamo il miele,lo zucchero, i canditi, le noci, le mandorle e i pinoli, tutti tritati grossolanamente (teniamo da parte alcuni frutti interi per la decorazione). Aggiungiamo il cioccolato fondente tritato, il cacao, la farina integrale e il pangrattato. Ammorbidiamo il composto con il caffè e qualche cucchiaio di anisetta.
                                                             

Completiamo con la scorza di arancia e di limone grattugiata. Amalgamiamo bene, aggiungendo un poco di olio ottenendo un composto compatto e morbido. Versiamo in un tortiera unta di olio, livelliamo il composto decorandolo con la frutta secca tenuta da parte.

La decorazione viene realizzata a piacere anche se un tempo era motivo di vanto tra le varie famiglie che si scambiavano i dolci. Era ovvio che il più bello e il più buono era sempre il proprio! Dopo la decorazione inforniamo a 160° per circa un'ora.


Sforniamo e lasciamo raffreddare il nostro dolce prima di assaggiarlo. Buon appetito!


Anche in questo post ho pensato a voi che siete passati nel mio blog ed ho realizzato un piccolo frustingolo a forma di stellina ... tutto per voi!!!!





18 commenti:

  1. Ricco e goloso, complimenti, un dolce favoloso

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia, non sai cosa darei per assaggiarlo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Uno di quei dolci per cui potrei impazzire dalla gioia ad averlo nel piatto :)
    Grazie per la stellina....
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Un dolce golosissimo che molto volentieri ne mangerei un pezzettino !

    RispondiElimina
  5. Posizionato sull'alzata, sembra davvero uno di quei dolci che troneggiava sulle tavoli borghesi di due secoli fa. Un piatto che sa di storia!

    RispondiElimina
  6. Un carico di dolcezza, Sabri, un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  7. ma grazie per la stellina! Un dolce davvero ricco di gusto e tradizione...bellissimo!

    RispondiElimina
  8. Che bella stella, perfetta per il Natale!

    RispondiElimina
  9. Caspita ma che dolce meraviglioso!!! Non lo conoscevo ma già mi ha conquistata!!!! Bellissimo e buonissimo, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Una ricetta gustosa e meravigliosa la proverò sicuramente!

    RispondiElimina
  11. grazie mille per la stella golosa che ci offri!
    un dolce povero ma così sontuoso e perfetto per la tavola di Natale! bravissima Sabri!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. Wow Sabri!!!! Super ricco!!!! Se,bra il nostro Zelten, meraviglioso!!! Un bacione <3

    RispondiElimina
  13. Che bello questo post, con maggioranza dell'uscita dedicato alla frutta secca.
    Bellissimo !!!

    RispondiElimina
  14. Bellissimo Sabrina! Una volta l'ho assaggiato è ricco di sapori e profumatissimo! Brava, devo farti davvero i complimenti!
    Un abbraccio, Rosa

    RispondiElimina
  15. Un dolce regionale che affascina al primo sguardo.
    mi è piaciuto molto , a questo giro, vedere come ogni regione ha saputo utilizzare e valorizzare la frutta secca presente in questo periodo.
    Mi è venuta voglia di assaggiarli tutti, quasi quasi faccio un salto da te, per cominciare ;)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ricco, ricchissimo di profumi e colori. Conosco poco la cucina marchigiana e questa è una buonissima occasione!

    RispondiElimina
  17. un dolce bello decorato, che di sicuro farà una bellissima figura sulle tavole delle feste, scusa il ritardo, baci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...