martedì 20 maggio 2014

Il lattaiolo in pasta matta: ricetta tipica delle Marche

Vi è mai capitato di eseguire una ricetta tratta da un libro di cucina e rendervi conto che qualcosa non quadra? A me molto spesso!!! E così è stato per la ricetta del lattaiolo in pasta matta.
Qualche tempo fa avevo annotato gli ingredienti ed il procedimento di questo dolce tipico della regione Marche che tanto mi ricordava le gite domenicali a Cingoli da mia zia. A distanza di tanti anni avevo voglia di assaporare nuovamente il suo gusto ed il suo profumo. Ma il primo tentativo è andato male e il dolce non ha soddisfatto le mie aspettative. Ricordavo benissimo ... il lattaiolo, o latteruolo, come lo chiamava la zia era composto da un involucro di pasta dura fatta di sola farina e acqua, pasta "matta", che racchiudeva una crema a base di uova e latte. Era usanza che questo scrigno di dolcezza fosse portato in dono dai contadini ai proprietari terrieri durante la festa del raccolto.
Ma visto che la mia testardaggine non ha limite dopo il primo vano tentativo ne è seguito un secondo. Ma questa volta ho chiesto indicazioni a chi con tanta pazienza prepara ancora questa delizia ed è stato come ... tornare bambina dalla zia a Cingoli.


Ingredienti

per la pasta matta

gr. 200 di farina
acqua

per il ripieno

1 litro di latte fresco intero
una scorza di limone
un frammento di cannella
gr. 120 di zucchero
4 uova
4 tuorli

Mettiamo a bollire il latte per circa mezz'ora con la cannella e metà dello zucchero. Lasciamo raffreddare ed uniamo la scorza gialla del limone.
In una ciotola poniamo le uova con lo zucchero restante e mescoliamo con una frusta cercando di amalgamare completamente i due ingredienti.


Uniamo il latte ormai freddo e filtrato; mescoliamo e lasciamo riposare.
Nel frattempo prepariamo il guscio: sulla spianatoia intridiamo la farina con l'acqua ottenendo un impasto morbido

Stendiamo una sfoglia sottile e rivestiamo una tortiera imburrata facendo aderire perfettamente anche ai bordi. Ritagliamo un disco di carta forno delle dimensioni della tortiera, appoggiamo sulla sfoglia e mettiamo i fagioli secchi. Questo procedimento ci servirà per evitare che la pasta si deformi durante la cottura e viene utilizzato per la cottura "in bianco". Inforniamo a 170° per 20 minuti. Sforniamo, togliamo la carta forno ed i fagioli ed avremo un guscio perfetto.



Ora riempiamo il nostro guscio con la crema al latte ormai fredda


Inforniamo a 120° per circa 2 ore senza mai aprire il forno ma controllando costantemente la cottura che deve avvenire lentamente facendo trasformare la crema da liquida a morbida e cremosa. 


Sformiamo e spolverizziamo con lo zucchero a velo. Buon appetito


Di fronte a tanta bontà non ho saputo resistere e ne ho tagliato una fettina ... tanto per ricordare i vecchi tempi

Ed ora un piccolo assaggio anche per tutti voi e saluti dalle Marche. 


Con piacere inserisco questa ricetta nella rubrica "L'Italia nel piatto" che questo mese ha come tema "Latte e i suoi derivati". Vi invito inoltre a visionare gli altri blog che partecipano a questo tour gastronomico nelle tavole delle regioni italiane. 

Lombardia- Riso al latte
Veneto - Risini di Verona
Trentino Alto Adige -  Torta Simona, ricetta originale trentina
Emilia Romagna - Buslàn - Ciambella Piacentina 
Liguria -  Budino di latte 
Marche - Il lattaiolo in pasta matta
Puglia - La ricotta fatta in casa 
Calabria- Pitta China con ricotta e salsiccia  http://ilmondodirina.blogspot.com/2014/05/pitta-china-con-ricotta-e-salsiccia.html





 

31 commenti:

  1. Se vuoi una consolazione, non sei l'unica a provare delle ricette e rimanere sorpresa che qualcosa non va anche prima di iniziare. Anche a me è capitato spesso e ho provato fino a 3 volte finché mi sono fatta una ricetta tutta mia, ma con soddisfazione. Questa tua è molto interessante. Molto cremosa e sicuramente molto buona, non per niente hai voluto riprovarla. Ciao, ciao e a presto !!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si potrebbe dire ... una dolce consolazione. Un abbraccio

      Elimina
  2. Fantastica, semplicemente fantastica :)
    La pasta matta la uso per le torte salate e mai per i dolci, questa è l'occasione per provarla.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova e poi fammi sapere. Mi piace tantissimo realizzare anche nuove ricette. A presto

      Elimina
  3. Ciao, anch'io sono marchigiana e ho provato proprio la scorsa settimana a fare questo budino dimenticato, qui nel fabrianese si chiama el lattarolo ma io ho fatto la versione senza pasta matta...ma vedendo il tuo lo proverò sicuramente.
    Se ti va vieni a vedere la mia ricetta!!!
    Un saluto
    Donatella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Donatella. Vengo a vedere con piacere la tua versione del lattaiolo senza pasta matta. Un abbraccio

      Elimina
  4. che bontà!!!!! grazie per la ricetta!!!!! Lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Lory per essere passata nel mio blog. Un bacione

      Elimina
  5. ma che meraviglia di ricetta, bellissime foto a margine di una ricetta speciale, bravissima! davvero da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ricetta un po' particolare e decisamente ottima!!!

      Elimina
  6. Anche io la pasta mattala uso per le torte salate, come Daniela. Vuol dire che proverò la tua ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu provi la mia ricetta e io con piacere assaggio una delle tue torte salate. Un bacione

      Elimina
  7. Una bellissima ricetta , e sei stata bravissima a chiede l'esecuzione perfetta di questa ricetta perche' tradizione significa proprio questo.
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione. Mi piacere andare alla ricerca delle vecchie tradizioni chiedendo conferma da chi ha già provato per poi condividerla con tutti voi. Un saluto

      Elimina
  8. che meraviglia!!!!!!! non la conoscevo questa ricetta, ti giuro che mi piace tantissimo! sono d'accordo con te, io ho trovato non una, ma molte ricette totalmente sbagliate sui libri, il fatto è che sono libri mooootlo famosi e anche costosi. E' un po' vergognoso però eh...
    ancora molti complimenti per la tua torta da urlo (di piacere)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione e questo mi fa arrabbiare. Spesso cucino, provo e poi mi rendo conto che qualcosa non va negli ingredienti o nel procedimento. Poi mi rendo conto che una ricetta deve diventare tua e allora tutto fila come l'olio!!!! Un bacione

      Elimina
  9. Una ricetta squisita Sabrina, anche se è arrivata un po' in ritardo, meritava di aspettarla! bacioni a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto qualche problema, ma poi tutto si è risolto per il meglio. Ora vengo a vedere cosa mi hai preparato di buono!!!!

      Elimina
  10. Che spettacolo Sabrina. Una ricetta riportata in auge con vera caparbietà, che può fare solo chi apprezza ed ama le tradizioni. Complimenti. Le foto, come sempre, sono splendide!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, apprezzo tantissimo le tue parole. Un abbraccio

      Elimina
  11. Che bello conoscere dolci tipici delle nostre regioni d'Italia.
    Un abbraccio e grazie per la condivisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una bellissima esperienza assaporare le varie tipicità della nostra bella Italia

      Elimina
  12. non conoscevo questo dolce, sono curiosa di assaggiarlo!

    RispondiElimina
  13. Mi ricorda il pastel di Belém portoghese, che bontààààà!!!! Penso ne mangerei a chili, bellissimo passo passo, un bacio

    RispondiElimina
  14. La cucina ha anche questo meraviglioso potere.. farci tornare bambini^^ bravissima e bel dolce davvero! :*

    RispondiElimina
  15. Che ricetta golosa! Grazie per la visita ed il dolce commento
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  16. dolce golosissimo, e poi che bello tornare bambine preparando una ricetta della nonna o della zia, un bacione

    RispondiElimina
  17. bravissima Sabrina...evviva la tua tenacia che ci ha regalato una ricetta fantastica della tradizione...!
    un bacione

    RispondiElimina
  18. La cosa più bella di tutta questa ricetta, è stato vedere che dopo la cottura, tutto quel composto liquido si è solidificato.

    Sono davvero curiosa di provarlo.

    Bellissima ricetta

    RispondiElimina
  19. Ha un aspetto ottimo, nn conoscevo questa ricetta, pero sembra deliziosa, la aggiungerò tra le ricette da provare, grazie tante.

    RispondiElimina
  20. troppo buona questa ricetta, per me assolutamente nuova, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...