giovedì 20 giugno 2013

Ricetta tipica delle Marche: canocchie con la peperonata

Questo mese la rubrica "L'Italia nel piatto" è lieta di presentarvi nuovi piatti tipici delle regioni italiane che hanno come tema il pesce e i crostacei. Io vivo a Fano, una città situata sul mare e di conseguenza amo mangiare e cucinare il pesce, specialmente quello che i nostri marinai ci fanno trovare fresco tutti i giorni nei banchi delle pescherie. E visto che sono sempre alla ricerca di ricette dal vero sapore della cultura culinaria italiana sono curiosa di conoscere le varie ricette che hanno preparato le mie amiche che rappresentano le altre regioni. Beh! Non ci perdiamo in tanti discorsi ed andiamo subito a vedere le tante delizie pronte per essere gustate ...


Come rappresentante della regione Marche ho deciso di pubblicare la ricetta delle canocchie con la peperonata chiamata anche "le nocchi sa la salsa de pevron". 





Come potete ben immaginare la scelta è stata molto, e dico, molto difficile, dovendo decidere tra tantissimi piatti proposti dalla cucina tipica marinara marchigiana. Brodetto alla fanese, alici marinate, sugo allo scoglio, grigliata dell'Adriatico, coda di rospo al forno, frittura di paranza, sgombri in porchetta, insalata di mare, per non parlare dei vari piatti di baccalà e stoccafisso. Ma diamo tempo al tempo e vi prometto che avremo modo di parlare e di documentare anche queste allettanti ricette. Prima di scrivere la ricetta con gli ingredienti e il procedimento ci tengo a farvi conoscere la protagonista: la canocchia, che non è conosciuta e quindi utilizzata in tante cucine



 Si tratta della Squilla mantis, un crostaceo diffuso sui fondali sabbiosi, tipici del Mar Adriatico; vive fino ad una profondità di 100 metri. Viene pescata con le reti a strascico ed è lunga in media 20 centimetri, ha la corazza grigiastra madreperlacea con riflessi rosati e due macchie violacee, simili a due occhi, vicino alla coda. Ha un corpo allungato, la testa munita di due paia di antenne ed ai lato ci sono due pseudo antenne. La parte interna è costituita da una polpa bianca e dal sapore molto delicato. Viene chiamata anche pannocchia anche se assume nominativi diversi nelle varie regioni italiane.(Canocia, cicala di mare,sparnocchio, caraviedde, astrea).

CANOCCHIE CON LA PEPERONATA

Ingredienti

Canocchie
peperoni verdi, gialli e rossi
pomodori maturi
prezzemolo
cipolla
aglio
olio
sale
pepe

Laviamo e puliamo le canocchie eliminando le parti più esterne e prive di polpa. Mettiamole a cuocere in acqua bollente per pochi minuti, scoliamole e lasciamole raffreddare. Ora muniti di forbici tagliamole lateralmente e leviamo la parte superiore del crostaceo facendo la stessa operazione su tutte le canocchie che stendiamo ben allineate sopra un piatto da portata. Nel frattempo prepariamo la peperonata. 
In una padella versiamo l'olio, la cipolla tritata e dopo pochi minuti aggiungiamo i peperoni, puliti e tagliati a strisce.


Aggiungiamo il sale, lasciamolo cuocere per qualche minuto poi aggiungiamo i pomodori maturi tagliati a pezzi, il pepe, il prezzemolo e l'aglio tritato. Cuociamo per circa mezz'ora a fuoco lento ed appena cotta la nostra peperonata la versiamo sulle canocchie precedentemente preparate



Ragazzi, a voi, un piccolo ma gusto assaggio!!!!


 


19 commenti:

  1. Io amo le canocchie perch le trovo veramente gustose e sono anche economiche!!! Ottima la tua proposta con i peperoni!!!Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Ciao cara dicono che Fano sia bellissima,a Settembre mi sa che vengo,deliziosa questa ricetta!

    RispondiElimina
  3. mamma mia che delizia, da buona piemontese posso dirti che apprezzo davvero un sacco l'abbinamento coi peperoni (che non mancano mai sulle nostre tavole!) inoltre amo imparare ricette di pesce, visto che sono totalmente incapace a cucinarlo!

    RispondiElimina
  4. immagino la quantità di ricette che avevi a disposizione, mai viste le canocchie con i peperoni, un bacio

    RispondiElimina
  5. non le mangio da anni! quando ero piccola mamma me le faceva sempre in umido o in brodo con il brodetto di pesce! questa riceetta poi! che dire! sublime!

    RispondiElimina
  6. Che belli tutti quei colori che accompagnano queste canocchie. Il piatto diventa davvero bellissimo da vedersi.

    RispondiElimina
  7. sai che non le ho mai mangiate...rimedierò! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. mamma mia sto impazzendo oggi con tutte queste vostre preparazione stupende, non mangio più il pesce da circa due anni e le canocchie che adoro mi mancano proprio tanto, spero quanto prima di poterle riassaporare, bravissima :) Bacio

    RispondiElimina
  9. che belle foto...e chissà che buone!! brava!

    RispondiElimina
  10. una favola veramente incantevole

    RispondiElimina
  11. Che piatto appetitoso e che canocchie cicciottose, qui le trovo sempre piccole piccole!!
    Hai proprio ragione le ricette di mare delle Marche sono una più allettante dell'altra!

    RispondiElimina
  12. Ottima ricetta, le cannocchie, o cicale di mare, sono buonissime, sopratutto se hanno il corallo. Buon WE.

    RispondiElimina
  13. Ciao Sabri, che buon piatto hai scelto! Un bacio a presto e buon we

    RispondiElimina
  14. Sabrina che piatto delizioso!!! Bravissima!!! un abbraccio e complimenti ancora :-)

    RispondiElimina
  15. bellissimo e buonissimo questo tuo abbinamento, complimenti

    RispondiElimina
  16. Un trionfo di colori e sapori in questo piatto!!!! Complimenti davvero!!!

    RispondiElimina
  17. Uhhh uhhh mi piaceeee!!!
    dalle mie parti le chiamano cicale di mare e forse per via del nome fin da piccola mi hanno sempre fatto "impressione" però magari presentate così le mangio!! Bravissimaaaa
    baciii

    RispondiElimina
  18. La canocchia, o cicala di mare, è veramente uno dei piatti più buoni, sopratutto quando ha il corallo (le uova). Prendo nota della ricetta anche se sono buone semplicemente lessate con sale, pepe, limone ed olio. Buona domenica.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...