lunedì 29 ottobre 2012

Crema fritta o cremini: ricetta tipica marchigiana


Lo so! Lo so che siete tutti impazienti di sapere quale sarà l'argomento che tratteremo questa settimana nella rubrica Cibo e Regioni. Senza tanti giri di parole vi accontento subito: il Fritto e questa è la mia ricetta : crema fritta detta anche cremini alla marchigiana


E per fare una bella scorpacciata di fritto misto vi consiglio di dare una sbirciatina anche agli altri blog che partecipano alla ormai consueta carrellata di assaggi tipici delle loro regioni


CALABRIA:   Crispeddi  
CAMPANIA:  Palle di riso 
LOMBARDIA: Gli Sciatt 
VENETO: Frito de sardele 
FRIULI VENEZIA GIULIA: I “crafen” 
EMILIA ROMAGNA: Chizze Reggiane 
TRENTINO ALTO ADIGE:   Straboi e Rostida  
PUGLIA: Le Pettl  
LIGURIA:   panissette frite 
UMBRIA: Arvoltolo 
MARCHE: Crema fritta 
BASILICATA:     Panzerotti 



Anche questa settimana la scelta della ricetta non è stata semplice visto che la regione Marche ha nella sua tradizione culinaria tantissime ricette che rientrano in questa categoria dall'antipasto al dolce, passando per la carne, il pesce e le verdure. Velocemente cito le famose olive all'ascolana, olive verdi denocciolate, farcite con polpa di vitello, uova e aromi quindi passate in farina, uova battute e pangrattato e infine fritte nell'olio. Continuo: coniglio fritto, verdure pastellate (cavolfiori, carciofi, zucchine), frittura di pesce misto di paranza, crocchette di uova alla marchigiana; per non parlare dei dolci: le castagnole (la ricetta la trovate qui), le fichette di Cantiano, le cresciole di carnevale, i bomboloni con la crema, i ravioli farciti con la marmellata ... Stop! Altrimenti non vi posso raccontare la mia dolce esperienza legata al fritto e alla festa del Fritto che si svolge nel mio quartiere. E si! Le Marche sono talmente legate a questo tipo di cottura  da  dedicarle sagre e feste, dislocate in diverse città e caso vuole che anche a Fano, e più precisamente a Metaurilia, si svolga ogni anno la festa del Fritto grazie alla volontà ed al lavoro dell'Associazione "Quei d'la dal fium". Ma io cosa centro con tutto questo? Beh! Sono stata chiamata per ben due anni di seguito a presentare un dolce fritto che rappresentasse la nostra regione. In realtà non ho presentato un solo dolce, ma una serie di dolci tipici posizionati in un ambientazione creata per l'occasione: una spiaggia con tanto di faro illuminato, i capanni. le conchiglie e tutto sulla rete da pesca. Ed eccomi alle prese con la mia, o meglio con la nostra realizzazione, visto che sono stata aiutata da tante collaboratrici.


Ed ecco alcune delle foto che rappresentano i fritti dell'occasione
le ciambelle fritte e glassate di Mariana



Le fichette di Cantiano di Maria Grazia



La cicerchiata di Concetta



Le ciambelle con le patate di Tiziana



Le bombe di Graziella


Potrei continuare e presentarvi altri dolci ma per oggi mi soffermo in maniera più dettagliata sulla crema fritta o cremini, dove si può assaporare. in tutta la loro semplicità, la tradizione di un tempo. I cremini sono piccoli e teneri cubotti dorati contenenti una crema dal sapore di vaniglia e spesso sono abbinati alle olive ascolane per addolcirne il sapore salato. Nella cultura culinaria delle Marche vengono uniti ai fritti in genere e sono considerati un contorno che segue i secondi piatti insieme alle diverse verdure pastellate. In realtà sono ormai  diventati una portata valida e buona in qualsiasi ora del giorno capace di regalarci una nota dolce che si scioglie in bocca.

Ingredienti

1 litro di latte intero
un pezzetto di scorza gialla di limone
una bustina di vanillina
6 tuorli
gr. 200 di zucchero
gr. 150 di farina
gr. 30 di fecola di patate

per l'impanatura

2 uova
farina 
pangrattato
zucchero a velo

olio per friggere

In una ciotola versiamo i tuorli con lo zucchero e lavoriamoli con una frusta fino ad ottenere un composto soffice e spumoso. Uniamo la farina, la fecola e il latte caldo, precedentemente aromatizzato con la vanillina e la scorza del limone. Mescoliamo bene e versiamo il tutto in una casseruola e facciamo cuocere per 10 minuti a fuoco lento mescolando continuamente.Terminata la cottura, eliminiamo la scorza del limone e versiamo la crema in una pirofila rettangolare rivestita di carta forno. Facciamola raffreddare per almeno un paio d'ore e trascorso questo tempo, tagliamo la crema  a losanghe o a quadrati. Quando tutti i cremini sono pronti passiamoli nella farina, poi nelle uova sbattute


ed infine nel pangrattato


Friggiamoli in abbondante olio ben caldo e pochi per volta fino a quando risulteranno dorati. Scoliamoli e poniamoli sulla carta assorbente per far perdere l'unto in eccesso. Trasferiamoli in un piatto da portata e polverizziamoli con lo zucchero a velo. Buon appetito!

Spero che siate stati bene in mia compagnia e mi farebbe tanto piacere offrirvi un pezzettino della mia crema cotta proveniente direttamente dalle Marche.


Con questa ricetta partecipo al contest indetto dal blog Melizie in Cucina



27 commenti:

  1. ma sei una vera esperta di fritti, complimenti, un bacio e buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ricetta da provare la tua carissima:-) hanno un aspetto invitantissimo e complimenti per la festa dei fritti:-) Splendide foto:-) è bello continuare le tradizioni e fare queste sagre con i prodotti tipici locali, un abbraccio e buona giornata e complimenti ancora:-)

    RispondiElimina
  3. Ma lo sai ch non sapevo fosse marchigiana la ricetta della crema fritta????l'ho provata una volta e non mi era venuta un granchè..proverò la tua ricetta!!!!ha un aspetto delizioso e senza dubbio è SQUISITO!!!
    PS sei bellissima in rosso!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. Questa non la conoscevo , mamma che fame mi hai messo!!
    bravissima un bacione!

    RispondiElimina
  5. Ma che bella tradizione di fritto che avete nella tua bellissima regione. C'è sempre da imparare....quella festa che avete organizzato deve essere davvero una prova di sopravvivenza....come si fa a resistere a non assaggiare tutto, ma dico tutto????

    ps. sai che noi facciamo dei "fritti di latte" praticamente simili alla tua ricetta?? vedi che abbiamo una cosa in comune?

    RispondiElimina
  6. Noo ma avete anche una festa del fritto?? ma è bellissimo! chissà quante bontà c'erano, a giudicare dal vostro bellissimo banchetto c'era da leccarsi i baffi!
    e poi questa crema è così particolare che muoio dalla voglia di assaggiarla!
    bravissimaaaa
    bacioni e buon inizio settimana ^^

    RispondiElimina
  7. Che bella!!!!ottima questa ricetta la proverò senz'altro!Buona settimana

    RispondiElimina
  8. Ho sempre sentito parlare della crema fritta, ma non ho mai avuto modo di assaggiarla. L'aspetto della tua crema è bellissimo... te ne rubo subito tanti piccoli pezzetti, perché con il fritto nessuna quantità è mai troppa!
    La proverò!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  9. Ho mangiato la prima volta la crema fritta a Bologna tantissimi anni fa mentre altri fritti li ho mangiati a San Benedetto del Tronto 2 anni fa ma erano salati buoniiiiiiiiii grazie della ricetta buona settimana.

    RispondiElimina
  10. Addirittura una festa del fritto, spettacolo!! Grazie per le tantissime idee che ci hai regalato, ma soprattutto grazie per la ricetta della crema fritta, l'ho assaggiata anni fa, ma non mi sono mai azzardata a prepararla, certo vedendo la tua, mi viene voglia di provarci! Buona serata e a presto, Babi

    RispondiElimina
  11. Ma allora dovevamo organizzare questo appuntamento tutte da te!!!!!!!!
    Ma dai... la festa del fritto mette gioia solo a sentirla e che splendida ambientazione e quante cosine buone!!!!!!
    e su tutto poi la tua crema fritta ....una vera ciliegina!!!!!!!!!!
    Complimentiiiiiiiiiiiii
    Un bacione e buona settimana cara

    RispondiElimina
  12. Che buoniiii!!
    Voglio provarli!!

    RispondiElimina
  13. ci sarebbe l'imbarazzo della scelta allora! buonissime comunque queste fatte di crema fritta! da provare! ciaooo

    RispondiElimina
  14. quanta roba buona!!! asseggerei un po' di tutto

    RispondiElimina
  15. Favolosa la carrellata di dolci, la crema fritta non la conoscevo,c redo sia una vera squisitezza

    RispondiElimina
  16. Ciao! anche da noi in veneto si prepara la crema fritta ed è veramente buonissima!! Proveremo di certo anche la tua versione!
    A presto
    Elisa e Laura

    RispondiElimina
  17. Adoro la crema fritta :) Semplicemente golosa!!!! Brava....

    RispondiElimina
  18. non poteva mancare la crema fritta marchigiana! buonissima! e la cicerchiata poi l'adoro! si fa anche da noi in abruzzo, ma ho scoperto anche nel lazio e molise, mentre nelle altre regioni si chiama in un'altra maniera, tipo Napoli gli struffoli, la pignolata mi pare al nord ma non ricordo dove...comunque chiamiamola come ci pare buona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai la provo a fare oggi! e ti faccio sapere! dovevo fare una ricetta marchigiana per la rubrica nuova su prima pagina online, ovviamente ti citerò! e ti faccio sapere come mi è venuta!

      Elimina
  19. ma allora io ci starei come una regina li da te...i fritti li adoro e solo a vedere tutte quelle golosità mi viene un'acquolina difficile da frenare!!!
    la tua crema fritta...l'ho sentita ma mai assaggiata...sarà di una goduria unica!!! e anche gli altri dolci ...insomma irresistibili!!!
    che bello mantenere vive queste tradizioni!
    bacioni

    RispondiElimina
  20. Bellissimo quello stand, il faro, le reti, i fritti!!!! :D

    Tutto molto invitante come questa crema fritta!!

    ps sai che per questo ponte verrò nella tua regione?
    Ci fermeremo tre giorni a Recanati e gireremo un pò nei paraggi...qualche dritta? ;)

    RispondiElimina
  21. Ciao Sabri, io asseggerei proprio tutto, anche le cosine preparate dalle tue amiche! E complimenti, sei bellissima con quel vestito rosso. Bacione a presto

    RispondiElimina
  22. E lo so che la vostra regione offre dei fritti indimenticabili. Io le vostre olive le mangerei a colazione, pranzo e cena. Ma anche questi cremini fritti, diciamola tutta, a qualsiasi ora del giorno mi renderebbero la giornata più bella!!!

    RispondiElimina
  23. fritti sublimi....e già perchè se il fritto è preparato bene è pure digeribile, il prossimo anno mi inviti vero alla vostra festa???? bacioni

    RispondiElimina
  24. Buonissima!!! Pensa che ero convinta che fosse piemontese, e che belle anche tutte le altre preparazioni, e anche tu bellissima in rosso (il vestito l'hai fatto tu vero?)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Che belle preparazioni!!! Che belle foto e che bella crema fritta. Sono sempre stata curiosissima di assaggiarla..Immagino sia deliziosa, complimenti.

    RispondiElimina
  26. Non ho mai provato la crema fritta, ma il solo vederla mi fa venire l'acquolina in bocca...bellissima la festa del fritto, per mantenere vive le tradizioni!Complimenti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...