mercoledì 17 agosto 2011

Oggi si mangia pesce azzurro: sardoncini marinati all'aceto


Lo so! Quando si parla di pesce tutti pensiamo alla sogliola, alla triglia, alla seppia oppure al branzino. E' vero, però, che se immaginiamo di disegnare un pesce velocemente la nostra mano, spinta dalla nostra creatività e fantasia, è portata ad elaborare uno schizzo molto simile al pesce azzurro: corpo allungato e panciuto, ricoperto da squame attillate, dal colore bluastro sul dorso e argentato sul ventre; indiscutibilmente gli occhi sono vivaci e circolari, direi quasi birbantelli.  Bingo! Sono riuscita a farvi inquadrare il pesce in questione, molto diffuso nel mar Adriatico. Viene pescato tutto l'anno tanto da essere sempre presente nei banchi del nostro mercato ittico, il che lo rende particolarmente conveniente economicamente. A mio avviso tutti i componenti di questa enorme famiglia sono anche salutari, perché contengono gli omega 3, importanti per lo sviluppo cerebrale e per preservare cuore e arterie. In questo contesto culinario posso affermare che sono ideali e versatili in cucina, perché il loro inconfondibile sapore viene esaltato e a sua volta valorizza, con una manciatina di ingredienti anche le ricette più semplici, poco elaborate, tanto da ottenere un'ottima resa gastronomica, a prova di un grande cuoco. Tra i tanti, sono tradizionalmente considerati  "pesci azzurri" le sarde, le acciughe, gli sgombri, le aguglie,il pesce sciabola,  i suri e le alacce. Anche i tonni, le palamite e i pesci spada sono spesso considerati azzurri, anche se non hanno nulla in comune con quelli che ho citato, se non per la loro colorazione azzurrognola. Oggi mi voglio cimentare con un antipasto che solitamente troviamo nei menù dei ristoranti fanesi e che viene servito nei pranzi a base di pesce: i sardonici marinati all'aceto.

Ingredienti
gr. 500 di sardoncini freschi
aceto
sale
prezzemolo
olio
pepe macinato
aglio e pepe rosa (facoltativi)

Aprire i sardoncini a libro, dopo aver eliminato la testa, le interiora e la spina laterale. Sciacquarli velocemente, asciugarli con un panno, disporli in una pirofila  e condirli con sale e aceto. Ripetere la sequenza degli strati e lasciare marinare per un'ora. Trascorso il tempo, scolare e condire con olio, prezzemolo e aglio tritati e pepe nero, macinato da mulinello. A piacere si può aggiungere un po' di aceto e di grani di pepe rosa. Servite subito e buon appetito!


18 commenti:

  1. Ottima ricetta. Io li amo aperti a libro, impanati e fritti. Buonanotte.

    RispondiElimina
  2. E' un antipasto che si trova anche nei menu dei ristoranti del mio paese natale, per cui lo conosco benissimo e ne vado matta :-) Ti confesso che a caa non ho mai provato a realizzarlo, ma la tua ricetta è talmente semplice e chiara che quasi quasi un tentativo lo faccio... Buona giornta, Sabrina! :-)

    RispondiElimina
  3. Una favola e ottima introduzione ;-)

    RispondiElimina
  4. Olà Sabrina,
    Encantada de ver uma receita de sardinhas.....
    peixe tipicamente cozinhado por portugueses, e que adoro grelhado com sal grosso, mas sua receita parece muito apetitosa.
    Abraço.Celeste

    RispondiElimina
  5. Ottima ricetta, di gran gusto!!!!

    RispondiElimina
  6. ma sai che anch'io stamattina al mercato cercavo del pesce azzurro? poi non l'ho trovato (era tardissimo..) e ho cambiato menù.

    Fantastico questo piatto :-)

    RispondiElimina
  7. buonissime!!! le adoro, ne posso mangiare ddei quintali! Ci siamo uniti anche noi ai tuoi sostenitori! a presto, Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  8. questa preparazione è meravigliosa! e poi mi ricorda tanto le alici marinate di salerno da me molto amate...brava sabry e complimenti per il blog

    RispondiElimina
  9. Grazie per aver visitato il mio blog!
    Bella ricetta con le sarde!
    Baci .......

    RispondiElimina
  10. Grazie mille per il tuo commento, mi ha fatto molto piacere!

    RispondiElimina
  11. A dieta dovrei mettermi io che preparando tutti questi dolci sono ingrassata! Dovrei mangiare solo l'ottimo pesce azzurro che proponi, Laura

    RispondiElimina
  12. caio Sabrina,grazie per essere passata da me,mi ha fatto molto piacere ricevere il tuo gentilissimo commento...e così ho potuto scoprirti anch'io!complimenti il tuo blog è davvero solare e ricco di ispirazioni!ho dei ricordi molto belli di Fano e di una mia cara amica che ha una casetta vicino al porto e trascorre lì tutta l'estate...ci vedremo presto,intanto miaggiungo ai follower...Marika

    RispondiElimina
  13. Ottimo il pesce! noi qui però questo non lo abbiamo mai assaggiato, una specialità che ammettiamo invoglia parecchio! devi essere stata proprio brava...
    un bacione

    RispondiElimina
  14. Buonissima questa ricetta, io dovrei mangiare più pesce, sono siciliana ma non mangio molto pesce. Mio marito invece è giapponese e adora il pesce, anche mia figlia,ma lei preferisce i dolci come puoi vedere nel suo blog (hungrycaramella.blogspot.com) Hai delle belle ricette. Grazie per la visita. Ti seguo subito!

    RispondiElimina
  15. Bella questa ricetta; mi ci voglio cimentare!
    E grazie per essere passata per il mio blog!
    Giulia

    RispondiElimina
  16. Una bella ricetta ho scoperto il tuo blog e credo di passarci spesso anche a me piace cucinare e provare nuove ricette.Un caro saluto e tanti complimenti da Imma...

    RispondiElimina
  17. Preparate in questo modo non le ò mai mangiate nel veneto si usa prepararle in saor,io personalmente le preparo aperte e cucinate alla griglia poi un buon bicchiere di prosecco e buon appetito
    buona serata
    Tiziano

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia, aggiungici della cipolla e avrai un simil 'savor' delle mie parti, io adoro il pesce azzurro, bella ricetta complimeni, ciao Kris

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...